Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Testimonianza di un volontario dalle mura di un carcere

Martedì, 13 Novembre 2012

6b

Testimonianza di un volontario dalle mura di un carcere


Tra gli interrogativi che più mi assillano, e sono molti, anche dopo anni di volontariato in carcere, il più pesante riguarda quale sorte abbiano avuto e continuino ad avere i molti – troppi – bambini che ho visto dietro le sbarre.
Resto molto impressionata dai bambini reclusi.
La loro immagine dietro le sbarre è un calcio in pieno stomaco.
Al di là del drammatico impatto quotidiano, mi sono sempre chiesta, e continuo a chiedermi, come diventeranno adulte queste creature che hanno come unico punto di riferimento madri avvilite, depresse, incapaci di giocare e di trasmettere loro sicurezza; preoccupate per altri figli che sono fuori, terrorizzate dal pensiero che quelli in carcere con loro possano essere dati in affido o messi in istituto.
In un periodo della vita nel quale i bambini dipendono totalmente dalla mamma, che per loro è “onnipotente”, questi vivono con madri umiliate, costrette alla sudditanza: i bambini lo percepiscono immediatamente e ne soffrono moltissimo.
Quanto profonde e durature saranno per loro le conseguenze del blindo che si chiude, delle sbarre, della promiscuità, della convivenza con donne incattivite o depresse?


Mi trasferisco a Rimini nel 2005 e nel 2006 inizia la mia avventura come volontaria nel Carcere Circondariale “I Casetti”.
Grande strada alberata - Via Covignano - dove nella collina ci sono le più belle ville della città, ma proseguendo si arriva in un punto dove la vita sembra fermarsi, si ingrigisce e all’improvviso la Rimini bene, la capitale del divertimento viene offuscata per lasciare spazio a tristezza, sofferenza e desolazione.
Il carcere di Rimini, nel quale ho seguito un progetto di scolarizzazione, è una struttura degli anni ’70 circa non eccessivamente degradata ma disumana: ha spazi ristretti , soffitti soffocanti; personale sotto organico per il sovraffollamento del carcere ma che comunque cercano di operare con senso di umanità.
I bambini sono benvoluti da tutti; i volontari svolgono molte attività, tra cui quella di interagire con i bambini attraverso giochi e laboratori creativi.
Ma il carcere resta comunque un luogo di immensa sofferenza: tanto più per piccoli innocenti.
Le madri possono tenere con sé in carcere i bambini fino al compimento del terzo anno. Ma tutte quelle che ne hanno la possibilità preferiscono lasciarli a casa e affidarli a parenti. In carcere, così, finiscono soprattutto bambini che provengono da situazioni già svantaggiate, nomadi o extracomunitari, le cui madri non possono ottenere i benefici, a cominciare dagli arresti domiciliari.
Paradossalmente, questi bambini vivono meglio in carcere che fuori: hanno un letto, cibo, servizi igienici, assistenza medica.
Ma pur sempre reclusione è, psicologicamente devastante, anche se la separazione dalla madre potrebbe essere ancora più crudele.
Ed è per questo che continuo a domandarmi: quale sarà il futuro di questi bambini?
Ho finito le mie ore di attività; esco dal portone del carcere e mi lascio alle spalle storie, casi umani disperati, un odore che faccio fatica a non sentirmi addosso ma soprattutto gli occhi dei bambini che mi guardano, che accennano un sorriso e che mi chiedono di tornare.
Uno di loro mi regala una poesia, la leggo subito prima di arrivare alla macchina che mi riporterà a casa e piango lacrime amare.


“Il mio sogno
Vorrei realizzare da grande
il sogno di tirare su una famiglia
avere una bella casa
un bel lavoro
una bella moglie
e vivere sereno
non è troppo e neanche poco
ma è questo che chiedo
in questa vita
o che vorrei avere
non di più...”


Nel 2005 ero arrivata a Rimini e l’unica immagine che avevo avuto sempre in mente era quella delle file di ombrelloni, della movida delle notti bianche, dell'Adriatico placido e verde, insomma del divertimentificio più lungo d'Italia.


Monica Paliaga

Ultima modifica il Martedì, 13 Novembre 2012 10:28


Le vostre foto

Rimini by @goffry_b, foto vincitrice del 18 maggio

#bgRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram