Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Un busto per il 'martire' risorgimentale Giovanni Venerucci

Giovedì, 17 Marzo 2016

(Rimini) Nella “Giornata nazionale dell’Unità” del 17 marzo, si è svolta oggi pomeriggio la cerimonia di scoprimento di un busto di Giovanni Venerucci, il primo e più celebre patriota risorgimentale riminese che perse la vita nella sfortunata spedizione organizzata dai Fratelli Bandiera nel 1844

“A Giovanni Venerucci – si legge nella targa che accompagna il busto del patriota riminese, realizzato dallo scultore Orazio Vitaliti e dono dell’omonima associazione culturale cittadina a lui intitolata alla città – protomartire riminese del Risorgimento italiano, nell’impavida e grande azione dei fratelli Bandiera gettò gloriosamente la vita per il bene della futura età e della divinata patria.”

Con la collocazione nella via a lui dedicata, si concretizza così un’idea nata in occasione delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia durante un convegno di “Omaggio a Giovanni Venerucci”, realizzato dal Comune di Rimini con la collaborazione dell’Associazione “Giovanni Venerucci”, dell’Associazione Mazziniani d’Italia - sezione di Rimini e dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - comitato di Rimini.

Al martire risorgimentale la città di Rimini ha già dedicata una targa, posta sotto il municipale Palazzo dell’Arengo, inaugurata il 28 ottobre 1900 dalla Federazione “Giuseppe Mazzini” ed esisteva un busto in gesso del martire, modellato nel 1912 dallo scultore Enrico Panzini, distrutto dai bombardamenti aerei della II Guerra Mondiale, di cui resta una foto conservata nella civica Biblioteca Gambalunga. Da qui l’idea di realizzare un busto in bronzo dedicato a Venerucci.

La sua realizzazione, l’individuazione di un luogo idoneo per la collocazione del busto bronzeo, i relativi problemi tecnico-burocratici, hanno protratto i tempi di questa intenzione condivisa di testimoniare nel tempo, con un’opera che rimarrà patrimonio della Città, l’adesione ideale a quei valori e principi universali che hanno motivato i tanti Italiani che hanno combattuto e sono morti per realizzare l’unità e la libertà del Paese.

Nel corso della cerimonia inaugurale, che si è tenuta nel pomeriggio di oggi in via Venerucci dove è stato collocato il busto del martire riminese, oltre all’assessore Irina Imola che è intervenuta a nome dell’Amministrazione comunale, hanno portato il proprio saluto il Prefetto Strano, Moreno Neri dell'associazione Venerucci e lo scultore Vitaliti che ha realizzato l'opera.



Le vostre foto

Rimini by @lesina, foto vincitrice del 7 settembre

#bgRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram