/*Facebook Pixel Code*/ /*End Facebook Pixel Code*/

29 ottobre

Martedì, 29 Ottobre 2019

L'università della salute | Sfregio all'arco | L'Emilia Romagna non è l'Umbria?

Medicina: due master per Rimini. Nella guerra tra le città romagnole, a Forlì e Ravenna andrà il corso di laurea in medicina e chirurgia, ma Rimini non resterà del tutto a bocca asciutta stando all’accordo raggiunto ieri tra Regione, università e sindaci. Oltre ai due master sarà avviato infatti un corso di laurea magistrale internazionale sulla salute e il benessere insieme a università di Bologna, Freie Universitaet di Berlino, Sorbona di Parigi, Complutense di Madrid e alle università di Edimburgo, Helsinki, Cracovia e Leuven in Belgio. Il tutto sarà coordinato dal nascente Institute for health (ilCarlino, Corriere, BuongiornoRimini).

“Siamo molto soddisfatti”. E’ il commento del sindaco di Rimini Andrea Gnassi, che a settembre sui corsi di medicina era entrato pesantemente in polemica con il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini (ilCarlino).

L’assessore professore. Ha dovuto fare ricorso al tribunale amministrativo, ma alla fine l’assessore per l’ambiente del comune di Rimini, Anna Montini, a quattro anni dal concorso in cui era arrivata seconda e successivo ricorso, è riuscita a prendere la cattedra di professore associato per il campus riminese (ilCarlino).

Museo Fellini inverte il traffico. Da lunedì 4 novembre il senso di marcia su via Giovanni 23esimo tra il corso e via Tonini sarà invertito per facilitare la viabilità attorno al cantiere per la realizzazione del museo Fellini. Saranno chiuse al traffico via Verdi e vicolo Valloni (Corriere, BuongiornoRimini).

Come i Lego. Hanno staccato alcuni massi dall’arco del’Augusto e hanno iniziato a giocarci rotolandoli sul prato. I due ragazzini sono poi fuggiti alla vista degli agenti della polizia municipale chiamati da una coppia di passanti. I massi sono stati risistemati al loro posto, non sembra abbiano riportato danni (ilCarlino, Corriere).

Furti di pelouches al cimitero. Non solo vasi di rame oppure ornamenti più o meno preziosi, dai cimiteri spariscono anche i giochi che i genitori lasciano sulle tombe dei loro bimbi. Difficile applicare la video sorveglianza come deterrente per i ladri: “servirebbero troppe telecamere”, spiegano i custodi che chiedono, in ogni caso, maggiore vigilanza. Per ottenerla, spiegano, è necessario denunciare qualsiasi tipo di furto, anche il più piccolo (Corriere).

Villa confiscata agli eredi dell’usuraio. Accertato il giro losco dell’uomo, ormai deceduto, ma un tempo residente a Savignano, le fiamme gialle hanno ottenuto la confisca dei beni ereditati dai familiari. Dapprima hanno individuato un ristorante di Rimini, però oramai nelle disponibilità di un nuovo proprietario estraneo ed ignaro degli affari illegali precedenti, quindi la guardia di finanza ha spostato la propria attenzione sulla villa della famiglia a San Mauro Pascoli (ilCarlino, Corriere, BuongiornoRimini).

“Viale Ceccarini non merita questo degrado”. Dopo il video denuncia pubblicato su Facebook da due imprenditrici, il Carlino è andato a intervistare anche altri operatori. Tra i sampietrini sconnessi, nel bel mezzo del passeggio e dello shopping, c’è anche chi segnala la presenza di trappole per topi (ilCarlino). “Interverremo prima di Natale”, risponde l’assessore Lea Ermeti (ilCarlino).

No al raddoppio della tassa di soggiorno. A Cattolica gli albergatori fanno fronte contro la decisione del comune di alzare pesantemente il balzello. “Dopo una stagione estiva così deludente verremmo penalizzati tutti, si torni indietro”, spiegano (ilCarlino, Corriere).

E’ rimasto schiacciato dal suo trattore. Vittima un 78nne. Il pensionato, a Croce di Montecolombo, era uscito a raccogliere la legna. Riempito il carrello, si è rimesso in moto, ma il mezzo si è rovesciato finendogli addosso (ilCarlino, Corriere).

“Credo che ci sia tutto l’interesse, da parte nostra e del M5s, di fare un fronte comune”. Lo sostiene il segretario provinciale del Pd Filippo Sacchetti, dopo l’esito elettorale deludente per il rinnovo del consiglio e della giunta regionale in Umbria (ilCarlino). “L’Emilia Romagna non è l’Umbria”, sottolineano dalla Regione, il presidente Stefano Bonaccini e l’assessore Emma Petitti (Corriere). Per l’assemblea legislativa si voterà il 26 gennaio.

“Siamo pronti al voto anticipato”. Questa sera nel corso del consiglio comunale tematico dedicato alle indagini su Tecnopolo e Acqua Arena, la Lega intende chiedere le dimissioni del sindaco Andrea Gnassi. “Dopo il ‘cappotto’ che la Lega ha rifilato in Umbria a Pd e 5 Stelle, siamo ancora più fiduciosi che il ribaltone verrà anche in Emilia Romagna. Poi toccherà a Rimini”, è convinto il capogruppo Marzio Pecci. “Se il sindaco non farà un chiarimento serio sulla posizione del capo di gabinetto Funelli, chiederemo le dimissioni di Gnassi” (ilCarlino).

Altro in questa categoria: « 28 ottobre 30 ottobre »