Controlli anti degrado, Borgo Marina al setaccio

Mercoledì, 05 Dicembre 2018

(Rimini) La Questura di Rimini ha organizzato ed effettuato negli ultimi giorni capillari controlli del territorio. I poliziotti hanno effettuato turni di servizio oltre l’ordinario, assicurando un sensibile incremento del numero degli equipaggi su strada, monitorando quelle aree territoriali dove le criticità si manifestano con maggiore aggressività, e in quelle zone in cui le stesse condizionano il regolare svolgimento delle attività sociali, ottimizzando l’efficacia preventiva e contribuendo a incrementare in maniera effettiva, concreta, la sicurezza di cittadini e turisti. Nelle due giornate appena trascorse, la Polizia Amministrativa della Questura, in collaborazione con l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e il Reparto Prevenzione Crimine di Bologna qui aggregato, ha effettuato mirati servizi di controllo in zona Borgo Marina. L’attività, anche grazie alle numerose segnalazioni pervenute dai cittadini residenti, ha permesso di controllare diversi esercizi commerciali dove, tra i presenti, sono stati identificati numerosi pregiudicati, tra cui un uomo di origine romena trovato in possesso di sostanza stupefacente e per questo segnalato alle competenti autorità, La squadra amministrativa, nel corso dei controlli, ha inoltre rilevato delle infrazioni ad un Bar quali la mancanza dell’alcool test e violazioni inerenti all’impatto acustico, mentre presso un altro locale sono in corso verifiche relative al possesso delle autorizzazioni.

Nei pubblici esercizi ove sono stati identificati numerosi pregiudicati i controlli verranno ripetuti poiché ulteriori accertamenti in tal senso potrebbero comportare la chiusura dell’attività, anche per considerevoli periodi di tempo. Sono inoltre proseguiti i controlli su strada delle Volanti, con gli equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine, mediante i quali sono stati controllati oltre 150 veicoli e circa 400 persone. L’attività ha permesso di arrestare un cittadino ucraino di 48 anni e denunciare 3 persone - tra cui due minorenni - per furto aggravato in concorso e uno straniero, un 25enne originario del Mali in regola sul territorio nazionale, per aver fornito, all’atto del controllo, false attestazioni. Nello specifico, alle ore 20.00 circa di ieri, le Volanti venivano inviate presso la Darsena di Rimini in Viale Ortigara per un furto.

Giunte immediatamente sul posto prendevano contatti con l’addetto alla vigilanza, il quale riferiva che poco prima aveva visto all’interno della darsena dove svolge attività di vigilante, due uomini allontanarsi frettolosamente dal gabbiotto nel quale sono posti dei distributori automatici. Entrato così nel gabbiotto, notava il distributore del caffè completamente divelto con la cassettina porta soldi asportata.  Raggiungeva quindi uno dei due uomini riuscendo a fermarlo, avvisando nel contempo la centrale operativa della Questura, che inviava immediatamente sul posto una pattuglia.Ad un primo controllo l’uomo risultava non avere precedenti, ma ad una ulteriore e più approfondita verifica, con le stesse generalità ma il cognome senza l’apostrofo, risultava essere stato denunciato dall’U.P.G.S.P. della Questura di Rimini per ricettazione per una bicicletta trovata in suo possesso e risultata rubata. La perquisizione personale permetteva di rinvenirgli in una tasca dei pantaloni diverse monete, risultate essere il “bottino” del furto appena consumato. Terminati gli accertamenti, l’uomo veniva dichiarato in arresto per furto aggravato e condotto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del processo per direttissima previsto nella mattinata odierna.-