/*Facebook Pixel Code*/ /*End Facebook Pixel Code*/

GIORNALAIO 18.05.2012

Giovedì, 17 Maggio 2012

Rubriche

A RIMINI CAMBIANO I SACRAMENTI. LUNGOMARE: SI AVVICINA LA RUOTA PANORAMICA E SI ALLONTANANO I PROJECT (I CHIRINGUITI SONO POCHI). FOGNE E PLUVIOMETRI: HERA SI DIFENDE. LA PREFETTURA E’ NELLA LISTA NERA DELLA CANCELLIERI. INTERVISTA A CHICCHI


Nuovo lungomare


Il Nuovo Quotidiano dedica pagine 7 al problema della riqualificazione del lungomare, segnalando che Gecos “in un lettera inviata alcune settima fa all’amministrazione comunale è tornata a porre la domanda: che intenzioni avete?”, riferendosi ai famosi project. Le intenzioni sembrano essere l’abbandono completo, scrive AnnaMaria Gradara, anche perché dal piano strategico arrivano “disponibilità ad investire da parte degli stessi operatori delle aree coinvolte”.


Prefettura di Rimini in bilico


Ci sarebbe anche Rimini nella lista delle prefetture da tagliare, lo svela il Corriere Romagna a pag. 3 nell’articolo a firma di Simone Mascia: “Nell’ultimo incontro al ministero dell’Interno avvenuto pochi giorni fa, è stata infatti partorita una lista in cui sono state individuate le città nel mirino della razionalizzazione dei conti pubblici. Tra questi c’è anche Rimini, la cui provincia supera di poco i 300mila residenti.. Per il prefetto Paolomba nulla è ancora perso.


Diocesi di Rimini, cambiano i sacramenti


Ieri la Diocesi di Rimini ha presentato alcune novità alla stampa. Innanzitutto la veglia del 26 maggio di Pentecoste che vedrà la partecipazione dei parrocchi, movimenti e associazioni “anzitutto come segno di unità della nostra Chiesa al di là dei numeri e poi per testimoniare che i cristiani non stanno solo in Chiesa ma sono una presenza”. Parola del vicario don Tarcisio Giungi riportate dalla Voce a pag.11. Il vicario presentendando alcune novità nel percorso di iniziazione al cristianesimo (possibilità di accorpare comunioni e cresime) ha dato anche un giudizio forte sulla situazione attuale: “non si può dire che siamo un paese cristiano”, riporta Paolo Facciotto.


A pag.9 del Nuovo Quotidiano il direttore di Hera risponde ai dubbi espressi dallo stesso giornale ieri sulle paratie e il sistema di apertura degli scarichi: “L’anno scorso sette attivazioni per ogni fossa con i pluviometri che hanno registrato mediamente un totale di 235 millimetri di pioggia. Due anni prima, con 237 millimetri ci sono state in media nove attivazioni”, riporta Brahim Maarad. Questo per fugare i dubbi di una troppa sensibilità dell’apertura automatica.


Rimini - Riccione 1-0


“La ruota panoramica che Riccione voleva mettere in bella mostra nel parcheggio davanti al Grand Hotel migrerà verso Rimini, nel centralissimo piazzale Boscovich”, scrive la Voce a pag. 13, questo per scelta degli imprenditori tedeschi, scrive Tamara Antonioli.


Per ora pochi chiringuiti


Il Carlino a pag. 11 aggiorna sulla situazione chiringuiti: “Nonostante la mole di certificati e di documenti che devono consegnare agli uffici comunali, sono già diversi i bagnini e i chioschisti che hanno preso contatti con palazzo Garampi per poter mettere quest’estate i famosi chiringuiti sulla spiaggia. «Abbiamo avuto già una decina di operatori che hanno chiesto la documentazione ai nostri uffici — è la conferma dell’assessore alle Attività economiche, Jamil Sadegholvaad — Nessuno di loro, a dire il vero, ancora è venuto a presentare formalmente la domanda, ma molti di questi verranno a giorni. E altri si stanno interessando»”, riporta Manuel Spadazzi.


Chicchi sull’università


Intervista del Carlino a pag.11 di Giuseppe Chicchi, dopo il rinnovo del Cda di Unibo, con la nomina del professor Corrado Benassi, preside della facoltà di economia di Rimini e il forlivese Giuseppe Dolcini, nome sostenuto dallo stesso Chicchi che riguardo al futuro del’università a Rimini dichiara: “Due sono, a mio avviso, gli scenari nuovi che si aprono per il nostro polo universitario e le altre sedi romagnole: lo sviluppo della ricerca come strumento di crescita culturale e della ricchezza dei territori, e una sempre più stretta integrazione con i sistemi economici locali e le loro eccellenze”.