/*Facebook Pixel Code*/ /*End Facebook Pixel Code*/

7 settembre

Lunedì, 07 Settembre 2020

Già in aula | Disco a San Marino | I negazionisti romagnoli

Già in classe. Rientrano oggi tra i banchi i ragazzi di tre classi del liceo linguistico Valgimigli. Si tratta di una settantina di studenti (una prima, una seconda e una terza) sui 45mila della provincia. Iniziano prima perché frequentano una sezione sperimentale nella quale il ciclo dura quattro anni invece di cinque (Corriere).

Trasferiamo le disco a San Marino. E’ la provocazione del presidente del sindacato dei locali da ballo (Silb), Gianni Indino, alla notizia che il governo ha prorogato la chiusura delle discoteche al 30 settembre. Già il 12 settembre, in occasione del Motomondiale a Misano, si terrà proprio a San Marino la festa ufficiale Musica & Motori, promossa dal Musica di Riccione. Potranno entrare solo i maggiorenni nel rispetto delle norme anticovid presenti sul Titano (ilCarlino).

I negazionisti. Prevista per sabato alla Villa des Vergers la manifestazione ‘no mask’ guidata da Antonio Pappalardo, leader del movimento dei gilet arancioni. Per lui il Covid è “una montatura”. “Dobbiamo essere tanti e lo dobbiamo fare per il futuro dei nostri figli. Dobbiamo mobilitarci in Italia”, spiega Pappalardo (ilCarlino). Sono tre i nuovi contagiati in provincia, uno di rientro dalle vacanze in Egitto (ilCarlino, Corriere).

Un ulivo per ricordare i morti del coronavirus. A Misano nella frazione Cella per iniziativa del Comitato di frazione è stato piantato un ulivo in memoria di tutte le persone alle quali non è stato possibile dare un dignitoso saluto a causa delle misure per il contenimento del contagio (Corriere). 

“Ho il covid non potete entrare”. Così un 59enne originario di Cattolica ha risposto agli ufficiali giudiziari che nei giorni scorsi lo hanno raggiunto nella sua abitazione di Valconca per sfrattarlo. Dieci anni fa l’uomo l’aveva acquistata anticipando come garanzia un assegno da diecimila euro, in realtà di un conto risultato chiuso. Da qui una lunga battaglia legale (ilCarlino).

Settembre ricco di eventi. Nel prossimo week end è previsto a Rimini, tra piazzale Fellini e il lungomare, l’Italian bike festival, al palacongressi l’annuale raduno del Grande Oriente d’Italia. Sempre a Rimini dal 25 al 27 settembre, in centro storico e non in piazzale Fellini, il circo dei sapori di ‘Al mèni’. E ancora il 13 e il 20 in pista a Misano il Motomondiale. Gli alberghi per ora, sono aperti fino alla riapertura delle scuole, ma c’è chi si aspetta per tutto settembre l’arrivo dei turisti nei week end  (ilCarlino).

Referendum. Domani alle 20,30 nella sala delle Celle, si svolgerà il primo dibattito tra i sostenitori del no e quelli del sì al referendum del 20 e 21 settembre per confermare o meno la legge di revisione costituzionale ‘Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari’, che taglia il numero di senatori e deputati. Per il sì interverrà l’avvocato e scrittore Salvatore Di Grazia. Per il no interverrà l’avvocato ed ex senatore Ds Felice Besostri (ilCarlino).

Notte di paura a Viale Vespucci. Tra sabato e domenica a Marina Centro a Rimini, due minorenni di origine tunisina hanno ingaggiato una lite con un connazionale e dopo gli insulti, i calci e i pugni, partiti in un locale e continuati fuori, i due hanno tirato fuori un coltello e hanno ferito la loro vittima al braccio. Nel frattempo sono arrivate le forze dell’ordine, chiamate dal titolare del locale (ilCarlino, Corriere). 

Ha travolto un pedone sulle strisce ed è fuggito via. Il 26enne riccionese si era messo alla guida ubriaco. Dopo aver investito il turista romano 29enne, il riccionese è fuggito via ma prima si è fermato un attimo a guardare, il tempo per chi era in zona di annotare modello dell’auto e numero di targa. Quando i carabinieri sono andati a prenderlo ha tentato di negare il fatto (ilCarlino, Corriere). 

Crollo a palazzo Tomasetti. L’edificio storico di Coriano risale al 1700 e si trova in località Cavallino, all’altezza di Trarivi, sulla strada provinciale 41 Montescudo, che è stata chiusa al traffico. Una parete è venuta giù sabato attorno alle 21. Sono subito intervenuti i vigili del fuoco per mettere in sicurezza l’area (ilCarlino, Corriere). 

Altro in questa categoria: « 2 settembre 9 settembre »