/*Facebook Pixel Code*/ /*End Facebook Pixel Code*/

Riccione, unanimità in consiglio sul nuovo teatro, approvato anche odg no a parco eolico

Venerdì, 26 Giugno 2020

(Rimini) Quattordici sì, 5 no e due astenuti, il Consiglio Comunale di Riccione ieri sera ha approvato l'ordine del giorno proposto dalla coalizione di maggioranza, Lista Civica Renata Tosi, Noi Riccionesi, Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e Popolo della famiglia, con cui si ribadisce forte e chiaro il "no" all'installazione di 59 pale eoliche nel mare di Riccione a partire da una distanza minima di 5,4 miglia nautiche. L'odg impegna sindaco Tosi e Giunta, in tutte le sedi istituzionali, ad impedire che tale impianto danneggi irreparabilmente l'orizzonte della città di Riccione con forti ricadute sull'industria turistica e sarà inviato come osservazioni alla Capitaneria di Porto, tramite per il ministero delle Infrastrutture. Inoltre si valuterà l'opportunità di un referendum e verranno chieste spiegazioni alla Provincia di Rimini, che 15 anni presieduta da Nando Fabbri approvò il progetto del parco offshore. "Nel convegno della provincia di Rimini fatto nel dicembre scorso - ha detto il sindaco Tosi nel suo intervento ieri sera in aula -, la stessa provincia di Rimini si esprimeva dicendo che il progetto del parco eolico offshore è possibile. Questa è la preoccupazione che noi abbiamo. Questa sera a sentire gli interventi dai banchi della minoranza mi è sembrata di sentire nuovamente la storia del Trc. Un'opera che è sotto gli occhi di tutti come la montagna di debiti prodotta. Io ricordo i discorsi che si facevano all'inizio del Trc quando si diceva che non sarebbero stati costruiti muri deturpanti. Era il 1995 ed oggi siamo davanti ad un altro scempio. Noi siamo chiari nel dire no, mentre sentiamo solo posizioni ambigue che nascondono pericoli per il nostro orizzonte". 

Riccione avrà un grande teatro cittadino. E' stato infatti approvato all'unanimità ieri sera dal Consiglio Comunale, la costituzione del diritto di superficie a titolo oneroso, sulle porzioni del fabbricato del centro polifunzionale per le arti sceniche "Spazio Tondelli", primo atto necessario per dare il via alla ristrutturazione del futuro teatro cittadino nel cuore di viale Ceccarini. Lo schema contrattuale del diritto di superficie - come noto - prevede alcune clausole principali, la durata del diritto di superficie di 25 anni rinnovabili. L'opera di riqualificazione è stata predisposta dall'architetto Anton Luca Nannini, e i lavori che sulla base di un quadro economico preliminare ammontano a circa 563.400 euro. La ristrutturazione a carico del Comune inciderà sulla sala per il pubblico, il comparto scenico, i vani a servizio camerini, il foyer, bookshop e bistrot con un annesso dehors lato viale Ceccarini dove si aprirà l'ingresso principale del rinnovato Spazio Tondelli che in questi anni è stato in continua crescita, con la gestione di Riccione Teatro, l'associazione partecipata dal Comune di Riccione e diretta da Simone Bruscia. 

"Il voto unanime su questo grande obiettivo che la città di Riccione raggiungerà, dimostra che l'amministrazione ha la capacità di proporre ed ottenere validi progetti - ha detto il sindaco Renata Tosi -. Dopo 30 anni, questa amministrazione riuscirà a dare alla città un nuovo teatro".