Strade pericolose, 200 riminesi beccati alla guida col telefonino

Lunedì, 26 Settembre 2016

(Rimini) Dall'inizio dell'anno sono state staccate dai blocchetti della polizia municipale 207 sanzioni per l’uso del telefonino dutante la guida.
"Un obiettivo – ha detto l'assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – tra quelli prioritari nell'azione di controllo e prevenzione nella sicurezza stradale svolto dai nostri operatori proprio per gli effetti deleteri di queste pratiche, purtroppo assai diffuse e in progressiva crescita. Come polizia municipale di Rimini dedicheremo servizi specifici e un'attenzione crescente verso questo cattivo comportamento alla guida che è proporzionale al grado di lesività e di mortalità dei sinistri stradali”.
Non solo telefonate. Come emerge dal quadro d'indagine nazionale sul fenomeno, infatti, è in crescita l'uso dello smartphone durante la guida quando entrano in gioco sms e social, capaci di distrarre forse più della tradizionale chiamata telefonica. Una potenzialità di distrazione enorme che ancora i numeri statistici non riescono a cogliere pienamente ma che gli esperti dell'Aci – come riporta questa mattina il quotidiano La Repubblica in un'inchiesta – non esitano a ritenere tra le cause maggiori dell'incidentalità: "mentre si guida si mandano sms, si controlla la posta, si fanno selfie, si chiatta sui social, un'attività che equivale a guidare alla cieca per almeno 10 secondi." In quel lasso di tempo, a 40 chilometri all'ora, si percorrono almeno 110 metri in cui può succedere di tutto "ed è per questo - prosegue l'assessore Sadegholvaad – che proseguiremo con particolare accanimento questo tipo di violazione capace di mettere indiscriminatamente in pericolo tutti”.