Rimini football club, Grassi scrive ai tifosi

Lunedì, 26 Settembre 2016

(Rimini) “C’è molta confusione sotto il cielo”, lo sostiene Giorgio Grassi promotore del progetto Rimini football club, per la rinascita del calcio riminese dopo il recente fallimento dell’Ac Rimini 1912. Sono trascorsi 50 giorni dalla presentazione dell’iniziativa, diversi i match già disputati nel campionato di serie D. “Da subito ho detto che il successo e il futuro del calcio a Rimini sarebbero dipesi dalla società, dall’amministrazione, dalla tifoseria, dall’imprenditoria e dall’informazione e che ciascuna di queste forze avrebbe dovuto dare un contributo utile e costruttivo”, sottolinea Grassi per cominciare.
“Non conoscendo prima del 10 agosto la realtà della tifoseria bianco-rossa, ho incontrato più volte in assemblea e poi anche in piacevoli incontri conviviali tutti quelli che l’hanno desiderato, deducendo che ci sono varie anime all’interno, con sfumature diverse, ma tutte unite dal tifo per la squadra. A una rappresentanza in particolare e alla domanda precisa: che cosa ti aspetti da noi? Ho risposto come rispondo a tutti: fate il tifo per e non contro. E soprattutto non date danni collaterali alla società. Questo è stato un ritornello che ho ripetuto ogni volta che si è presentata l’occasione e nessuno mi ha mai contraddetto”.
E’ per questo che la richiesta del recupero tra i tifosi della pari alla multa comminata alla società per comportamenti antisportivi del tifosi alla fine della partita con il San Pietro Terme, “non è provocatoria, ma dovuta ed è rivolta a tutta la tifoseria che è stata sanzionata per intemperanze e non solo una parte di essa che sembra essersi caricata di tutta la responsabilità. Nelle settimane scorse, la tifoseria ha dimostrato grande slancio per aiutare le popolazioni del Centro-Italia colpite dal terremoto. Ora chiedo cortesemente che la tifoseria si faccia promotrice di una raccolta pari a circa 1 euro a testa per ciascun tifoso presente a San Piero in occasione della prossima partita casalinga: la somma raccolta dovrà essere consegnata in segreteria e Rimini F.C. aggiungerà altri 300 euro e la somma complessiva sarà devoluta alle vittime del sisma”.