Anfora romana ritrovata in Adriatico, la scoperta della Gdf

Giovedì, 27 Luglio 2017

(Rimini) Scoperta e recuperata in mare questa mattina un’anfora di epoca romana. L’operazione è stata condotta dai sommozzatori della guardia di finanza di Rimini.

“Questi finanzieri - spiegano dal comando - specialisti, pratici dei fondali marini romagnoli, quando non impegnati in più urgenti necessità di servizio, perlustrano sistematicamente le acque poco profonde che caratterizzano la costa della regione, anche per individuare e salvaguardare reperti di interesse storico e artistico di cui è verosimile aspettarsi la presenza, in considerazione dell’importanza degli insediamenti costieri di epoca romana e dei rilevanti traffici marittimi del tempo, confermati da importanti ritrovamenti archeologici nel corso degli anni”.

Le fiamme gialle, in particolare, conoscono le caratteristiche del fondale dell’Adriatico; poco profondo, piatto e sabbioso, e quindi estremamente mutevole in caso di tempeste o forti correnti. E’ per questo che dopo il maltempo dell’altra sera sono usciti in esplorazione e malgrado le acque fossero ancora un pochino torbide hanno in poco tempo individuato “un reperto di interesse, evidentemente liberato dalla propria coltre sabbiosa dalle forti correnti sottomarine dei giorni precedenti e già colonizzato da piccoli organismi marini, sulla superficie esterna, e da altra fauna ittica, nell’ampia cavità interna”.

Recuperato il vaso, affinché non fosse danneggiato in attività di pesca o trafugato da altri, lo hanno liberato dai sedimenti e consegnato alle cure della Soprintendenza Archeologica alle Belle Arti e al Paesaggio per le Provincie di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. L’anfora ai suoi tempi deve essere stata usata per trasportare vino, è alta 60 centimetri con una circonferenza di 123 centimetri nel punto più largo. E’ quasi totalmente integra. Ora si cercherà di capire quali vicissituni storiche l’abbiano portata nel fondo dell’Adriatico.

Video