Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Furbetti nelle case popolari, Gnassi: Stanati grazie alla collaborazione tra istituzioni

Mercoledì, 23 Gennaio 2019

(Rimini) E’ dei giorni scorsi la notizia di cinque persone a cui sarà tolta la casa popolare perché trovate in possesso di conti bancari con dentro centinaia di migliaia di euro. “L’operazione attraverso cui la Guardia di finanza è riuscita ad individuare e segnalare agli organi competenti diversi casi di "furbetti" delle case popolari, rappresenta al meglio lo spirito di collaborazione istituzionale che anima, tra gli altri, il protocollo di intesa appena rinnovato tra Comune di Rimini e Guardia di Finanza per coloro che beneficiano di prestazioni sociali agevolate. Case popolari, ma anche sgravi fiscali o tariffe agevolate a scuola, sono tanti i servizi pubblici che ogni giorno vengono messi sotto la lente di ingrandimento per garantire che, chi usufruisce di risorse pubbliche, ne abbia pienamente diritto”, commenta il sindaco di Rimini Andrea Gnassi.
“Il controllo incrociato delle diverse banche dati - anagrafiche, reddituali e patrimoniali – svolge un importante lavoro preliminare di individuazione di casi da segnalare agli uomini e le donne della Guardia di Finanza. Sono loro poi ad approfondire e, come nel recente caso relativo alle case popolari, segnalare e denunciare gli effettivi casi perseguibili”.
Gnassi quindi ringrazia “la Guardia di finanza di Rimini, per la collaborazione e la professionalità dimostrata in un'operazione di grande importanza, anche simbolica: non c'è niente di più illegale e ingiusto, infatti, che attingere a contributi e prestazioni destinate alle categorie sociali più deboli, sottraendo risorse a chi ne ha più bisogno”.



Le vostre foto

Rimini by @goffry_b, foto vincitrice del 18 maggio

#bgRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram