50 anni della Papa Giovanni XXIII. Ramonda ricevuto dal Papa

Venerdì, 15 Giugno 2018

 Questa mattina Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, è stato ricevuto da Papa Francesco in udienza privata in occasione dei 50 anni dell'associazione fondata da don Oreste Benzi. Giovanni Paolo Ramonda, successore del prete dalla tonaca lisa alla guida della Comunità Papa Giovanni XXIII, ha partecipato con i membri della sua casa famiglia, formata, insieme alla moglie Tiziana, da dieci persone.

«E' stato un incontro memorabile. Abbiamo portato al Papa l'impegno di tanti laici che spendono la loro vita al fianco della povera gente in 42 paesi del mondo, seguendo il carisma di don Benzi». - commenta Ramonda.  Al Santo Padre sono stati donati il libro-testamento di don Oreste “Con questa tonaca lisa” (intervista con Valerio Lessi), “Il diario di Sandra”, la giovane riminese proclamata venerabile appena tre mesi fa e “Pane Quotidiano”, il messalino con i commenti al Vangelo di don Benzi».

All'incontro hanno partecipato anche Gianpiero Cofano, Segretario della Comunità, e Alberto Capannini, il quale ha portato la testimonianza dei giovani volontari della Comunità di don Benzi, che condividono la loro vita nei campi profughi siriani al confine nord del Libano. Da questa esperienza di condivisione diretta è nata una proposta di pace scritta insieme ai siriani scappati dalla guerra. Alcune famiglie che vivevano nel campo profughi sono giunte in Italia tramite i corridoi umanitari, accompagnate dai giovani volontari della Giovanni XXIII che si sono occupati della loro accoglienza ed integrazione.

Stamane nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, il Santo Padre riflettendo sul Vangelo odierno di Matteo ha affermato che “sfruttare le donne è peccato contro Dio”.

«Il Papa ancora una volta ci ha dimostrato di avere a cuore la sorte di tante giovani donne e ci ha spronato ad andare avanti nella battaglia iniziata da don Benzi per la liberazione di queste nostre sorelle» conclude Ramonda.