Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Centri estivi, rette meno care grazie a voucher e fondi regionali

Venerdì, 13 Aprile 2018

(Rimini) Spiega il comune di Rimini che “l’estate 2018 porterà una importante novità per le famiglie riminesi; grazie ai voucher di prossima emissione e ai contributi regionali sarà possibile iscrivere i propri figli ai centri estivi usufruendo di una riduzione che, in media, potrebbe oscillare a seconda dei singoli casi, tra il 40% e il 50% sul valore dell'intera retta mensile rispetto al passato. La riduzione delle tariffe dei centri estivi rappresenta uno dei punti cardini delle politiche di coinciliazione proposte dal Comune di Rimini per aiutare le famiglie con entrambi i genitori lavoratori e figli piccoli. La tipologia e la modalità del contributo varierà a seconda della fascia di età del bambino e della fascia di reddito delle famiglie, e saranno individuati da due bandi di prossima pubblicazione, a partire da maggio”.

Da palazzo Garampi arrivano alcuni esempi: 0/2 anni, i voucher previsti dal Comune di Rimini andranno da un range di contributo di 300 – 350 euro per le famiglie con isee compresto tra 0 e 10 mila euro, 250/300 euro per famiglie con isee tra i 10 e i 20 mila euro, 200/250 euro con isee tra i 20 e i 28 mila euro. I voucher riguardano la frequenza effettiva dei centri estivi nei mesi di luglio e agosto;3/13 anni, una iniziativa regionale, finanziata dal Fondo Sociale Europeo, prevede per le famiglie con un Isee inferiore a 28 mila euro e con bambini che frequentano nel mese di luglio un centro estivo riconosciuto da un apposito elenco, un contributo massimo di 210 euro.

"Sono misure universali di sostegno – è il commento di Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini – che leggono i nuovi bisogni sociali e sono rivolte a tutte le famiglie che necessitano di un importante servizio come quello dei centri estivi. La novità è di grande importanza perchè incide in maniera sensibile sulla riduzione del costo finale della retta, andando incontro alle esigenze delle nuove famiglie. Coppie che lavorano anche in estate perchè è mutato il mercato del lavoro, sono sempre meno infatti coloro che hanno il mese di ferie estivo a fronte di piccoli periodi frammentati di riposo, ma anche i nonni sono sempre più individui che ancora lavorano e non sempre possono seguire i nipoti; Le famiglie riminesi inoltre, anche e soprattutto nel periodo estivo, vedono aumentare gli impegni lavorativi legati alla stagione turistica. Non possiamo dunque permettere che mandare i propri figli ai centri estivi sia considerato un lusso. L'universalità e la modularità dei contributi garantiscono inoltre un principio per noi inderogabile, quello di equità sociale. Quel principio che, per rafforzare il concetto, porterà quest'anno ad avere lo stesso costo retta per tutti i centri estivi, senza le differenze e gli scostamenti tra l'uno e l'altro del passato" .



Le vostre foto

La ruota panoramica by @ottavg, foto vincitrice del 7 luglio

#vivoRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram