Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Trc, ecco le fermate

Martedì, 10 Aprile 2018

(Rimini) Di verde come i parchi della città, di blu come il suo mare, del color sabbia come la spiaggia si tingono una dopo l'altra le undici fermate riminesi nate sul tracciato del trasporto rapido costiero che da 2019 collegherà in 20 minuti la stazione di Rimini con quella di Riccione. Chi passa in questi giorni nel tragitto del TRC vede ormai in fase avanzatissima i lavori per la predisposizione delle 11 fermate, caratterizzate da una varietà cromatica spiccata.
Una scelta di colori che tra le proprie ragioni non trova solo quella della bellezza e del decoro ma che risponde all'obiettivo più generale di dotare, anche nella scelta degli abbinamenti cromatici, le singole fermate di un carattere identitario legato ai luoghi. E' una scelta progettuale di fondo, infatti, quella che intende rafforzare l'identità locale di luoghi, attualmente anche marginali, pensati non solo come snodi funzionali per la mobilità intermodale ma per stimolarne la rigenerazione funzionale. Accorgimenti, soluzioni di wayfinding e interventi sulla qualità urbana diventano così elementi di uno stesso progetto di rigenerazione urbana.

Le fermate del TRC, pensate come porta d'ingresso alla spiaggia, al sistema dell'ospitalità degli alberghi, alle bellezze del centro storico, devono offrire un ambiente piacevole, comodo e accogliente sia per i riminesi che per i turisti che lo useranno. Per questo sono stati così studiati i materiali, i colori che, proprio ispirandosi al Parco del Mare, riprendono i toni del sabbia, del verde, del blu. E' stata prestata cura agli elementi di arredo, come le panchine, che oltre ad essere funzionali dovranno contribuire a rendere bello e accogliente il contesto di fermata.
Con la bellezza la funzionalità, perché il passeggero che arriva a piedi, in bici o con altri mezzi dovrà anche poter trovare facilmente le informazioni necessarie per accedere agevolmente al servizio. Per questo diventa centrale il lavoro sul cosiddetto wayfinding, che serve a orientare i passeggeri, fornire loro in modo immediato le informazioni necessarie tramite mappe, segnalazione dei percorsi, e appositi applicativi che saranno messi a punto. E' questo certamente il caso della stazione ferroviaria di Rimini dove è in corso un lavoro importante con le Ferrovie per una riorganizzazione del contesto attuale al fine di migliorare i servizi, le connessioni e la fruibilità delle varie aree come l'atrio stazione ferroviaria, il capolinea TRC, le fermate dei bus, i parcheggi, la nuova velo stazione.

Grande attenzione ai dettagli quindi come i nomi delle fermate. Questi (Rimini Station, Kennedy, Pascoli, Lagomaggio, etc.. fino a Miramare Airport) non sono stati scelti a caso, ma sono stati scelti in riferimento ai luoghi importanti di interesse, proprio per rendere più semplice al turista individuare la fermata in cui dover recarsi.
Come noto il TRC che entrerà in esercizio nel 2019 sarà un collegamento di trasporto pubblico capace di cambiare radicalmente il sistema del trasporto collettivo nel nostro territorio. L'apertura della tratta Rimini-FS- Stazione FS Riccione consentirà dal prossimo anno di collegare i due capolinea, con un sistema accessibile, frequente, comodo, ecologico e sicuro. Il servizio avrà una frequenza di 7 o 10 minuti, i mezzi sono filobus a completa trazione elettrica dotati di aria condizionata, pienamente accessibili ai soggetti con ridotte capacità motorie e in grado di consentire il trasporto biciclette a bordo. La sicurezza sarà garantita da un servizio di videosorveglianza sui mezzi e nelle fermate.



Le vostre foto

Rimini by @goffry_b, foto vincitrice del 18 maggio

#bgRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram