Scrivi qui la tua mail
e premi Invio per ricevere gratuitamente ogni mattina la nostra rassegna stampa

Cattolica, Confcommercio: “Spiaggia a rischio, la Regione deve intervenire”

Martedì, 13 Febbraio 2018

(Rimini) Rischio erosione e allagamenti segnalati dalla Confcommercio per la spiaggia di Cattolica. La’ssociaizone rende noto che anche per quest’anno nessuna manutenzione è prevista alle scogliere artificiali marine installate nel 1965, che a distanza di tanto tempo risentono dell’usura.
“Da allora non c’è mai stata manutenzione – spiega Mirella Masi della delegazione di Cattolica di Confcommercio – e l’erosione della costa è ripresa. Nel corso degli anni le scogliere che proteggono l’arenile di Cattolica non svolgono più il lavoro che hanno sempre svolto egregiamente perché sono caduti massi e si sono abbassate. Con le mareggiate, soprattutto nella zona di Ponente, l’acqua del mare arriva fino a metà spiaggia e più a nord l’atto erosivo del mare si fa vedere notevolmente. A difesa di parte della costa, un paio di anni fa, è stato effettuato un grande ripascimento, ma si è fermato a Riccione e Misano. Ora attendiamo un intervento anche su Cattolica: sono anni che ce lo promettono ma adesso, durante la Consulta Turistica, abbiamo avuto conferma che anche per il 2018 la Regione non stanzierà fondi per la manutenzione delle scogliere cattolichine. Se sparisce parte della spiaggia il danno non è solo per i concessionari, ma per tutta la città. E’ una carenza di attenzione per una zona turistica che non possiamo accettare. Mentre si pensa a progetti faraonici ideando scogliere al largo di tutta la costa riminese, non si mette mano ad una manutenzione che, con poco investimento, risolverebbe problemi concreti. Chiediamo alle amministrazioni di farsi carico in maniera urgente della questione e di vigilare affinché le promesse non vengano disattese per poter garantire sempre l’accoglienza dei nostri turisti sulla spiaggia”.



Le vostre foto

Rimini by @nadiacevoli, foto vincitrice del 13 ottobre

#vivoRimini

Le nostre città con gli occhi di chi le vive. Voi scattate e taggate, noi pubblichiamo. Tutto alla maniera di Instagram